Translate

11 dicembre 2008

Premiato video da Qoob!

Qualche giorno fa sono stato premiato da Qoob per il video "The Blair Witch Project Parody", dedicato al contest "Remake that movie!", per il quale riceverò 400 euro di pay out (retribuzione). Inoltre, da lunedì 8 Dicembre, il video viene già trasmesso su Qoob.tv, il canale televisivo di Qoob visibile attraverso il digitale terrestre. Quindi potrebbe anche capitarvi di vederlo lì.
Intanto date un'occhiata a "The Blair Witch Project Parody".
Ciao!

Premiato spot da Zooppa.com!

Qualche settimana fa il sito Zooppa.com mi ha premiato con il Big Zooppa Award per lo spot "Noi la chiamiamo creatività", dedicato al Festival della Creatività di Firenze. Ho vinto inoltre un viaggio di 3 notti per 2 persone in una Fattoria in provincia di Pisa. Bello no? :)
Grazie a tutti coloro che mi hanno votato e allo staff di Zooppa che ha voluto premiarmi.
Eccomi tra i vincitori!
Date un'occhiata al video.
Ciao!

29 novembre 2008

Contest "Remake the spot!" su QOOB

Ciao ragazzi,

ieri ho caricato un nuovo video per partecipare al contest (gara) "Remake the spot!" su QOOB. QOOB è una community che unisce televisione e web in un unico ambiente e rivoluziona il modello televisivo classico. Su QOOB puoi caricare i tuoi contenuti video e musicali, postare notizie e contenuti dal web e contribuire al canale televisivo con le tue idee ed opinioni. I migliori contenuti vengono trasmessi in tv e e retribuiti. Tutti i contenuti di QOOB sono disponibili on demand sul sito web www.qoob.tv, il canale è visibile su digitale terrestre ed in streaming sul web. Unitevi anche voi a questa fantastica community.

Tornando al contest, si trattava di realizzare un finto spot/una finta telepromozione. Date un'occhiata a ciò che ne ho fatto venir fuori. Un grazie agli attori che si sono prestati a fare questo lavoretto.

Spero vi piaccia e mi raccomando votate, votate, votate!!



10 novembre 2008

Una canzone di speranza: "Un ragazzo decide di fare musica"


Negli ultimi mesi ho scritto varie canzoni ma non ho mai avuto il tempo di registrarle anche perchè sono tutt'ora molto preso dal fare video (spot pubblicitari e videoclip), come alcuni di voi sanno già.
Oggi ho deciso registrare queste nuove canzoni chiuse nel cassetto, perchè ho bisogno di esprimermi ancora e conoscere il parere degli altri. Le proporrò inizalmente in una versione "chitarra e voce", ma appena possibile le registrerò aggiungendo tutta la strumentazione necessaria.

La canzone che vi propongo oggi si chiama "Un ragazzo decide di fare musica". L'ho scritta di getto la settimana scorsa. Tutto è venuto fuori in maniera molto spontanea, sia la musica che il testo. Un' ispirazione fulminea, se così posso chiamarla. E' una sorta di inno per tutti coloro che oggi sono vittima dell'appiattimento culturale generato dalla nostra società e dai media. E' un invito a sperare, a credere che i sogni possono realizzarsi, che tutto può succedere. Ad esempio, avreste mai pensato che un afroamericano, Barack Obama, sarebbe diventato Presidente degli Stati Uniti d'America? Gli uomini di colore, le minoranze, per secoli brutamente sfruttate come schiavi , hanno adesso in Obama, il simbolo del riscatto, della speranza, che davvero tutto può succedere.
Basta crederci. Io lo faccio quotidianamente. Fatelo anche voi. Sognare non costa nulla!

Dunque vi invito ad ascoltare questa canzone e a farmi sapere cosa ne pensate. Vi invito inoltre a guardare il videoclip, sottotitolato in italiano, della canzone "Yes We Can", cantata per Barack Obama da numerosi artisti. Le parole vi colpiranno sicuramente. E' un messaggio che non vale soltanto per gli Stati Uniti. E' un grido di speranza che dobbiamo fare nostro, di qualunque nazione noi siamo. Si può fare! Si può fare!

Cristiano




14 ottobre 2008

Ho caricato tre nuovi spot su Zooppa.com!

In questi giorni ho caricato tre nuovi spot pubblicitari su Zooppa.com. 
Un ad video e un'ad radiofonico per il ZooppaContest2 e un ad video per il Festival della Creatività.
Cliccate qui se volete guardarli e ascoltarli. Sono i primi tre partendo dall'alto del riquadro che vi appare. 
Ciao!

Cristiano

13 ottobre 2008

Superati i 1000 visitatori! / Celebrating 1000 visitors

Oggi lunedì
13 ottobre 2008, il mio blog ha superato i 1000 visitatori. Grazie a tutti coloro che hanno navigato nelle mie pagine e continueranno a farlo. Spero di arricchire il blog con contenuti sempre più simpatici e interessanti. Buona navigazione!

Today, monday the 13th of October 2008, my blog has reached over 1000 visitors.
Thanks to all those people who surfed in my pages and who will keep doing that. I hope to enrich my blog with other interesting stuff. Good surfing!


Cristiano

4 ottobre 2008

Nuovo Messenger MAC 7

Leggendo il blog MSN Tribe ( sempre aggiornato su tutto ciò che riguarda msn messenger) ho scoperto che è stato rilasciato Messenger MAC 7 con delle nuovissime funzionalità audio e video.

Attraverso il Corporate service (servizio aziendale) di Messenger Mac, potrai condurre riunioni virtuali con i tuoi collaboratori tramite chiamate o video chiamate. È anche possibile comunicare all’interno o al di fuori della rete aziendale, è possibile comunicare con i collaboratori che utilizzano Microsoft Office Communicator 2007 su Windows e dulcis in fundo si possono effettuare dei multi-party audio e video con i tuoi contatti.

lnoltre questa nuova versione presenta:

  • Nuove funzioni di ricerca.
  • Informazioni maggiormente dettagliate
  • Messaggio personale.
  • Mac OS X Bonjour utile per individuare altri Messenger Mac che sono sulla stessa rete locale.
  • Possibilità di assegnare soprannomi ai tuoi contatti.
  • Piu’ tantissime funzionalità da scoprire ;)

Messenger mac 7 è disponibile in 11 lingue compreso l’Italiano, il programma pesa 21 Mb e ovviamente lo possono utilizzare solo gli utenti che utilizzano i Mac.

[Via giuseppedalessio.it]

Scarica gratuitamente Messenger Mac 7 in italiano



Cos'è il franchise?


Il termine inglese media franchise (o più comunemente, franchise) si riferisce alla costruzione di un marchio (o brand) che viene sfruttato per diversi prodotti dell'industria dello spettacolo e dell'intrattenimento, specialmente cinematografica.

Il franchise è la modalità produttiva più usata dalle grandi major hollywoodiane e dalle corporation statunitensi.

Caratteristiche

Il franchise crea un brand, un marchio collegato ad un prodotto principale o ad un evento, come può essere un film, ed esso viene sfruttato per aumentare gli incassi con lo sviluppo di mercati aggiuntivi e merchandising di ogni tipo (DVD, videogiochi, gadget, spin-off televisivi, tie-in che legano il film a prodotti e marchi già affermati, siti web e creazione di attrazioni nei parchi a tema). Spesso lo schermo cinematografico è solo l'inizio di un processo che coinvolge tutti i settori del sistema mediatico e dell'industria dell'intrattenimento.

I franchise film attingono spesso a diverse aree della cultura popolare: generalmente alla letteratura, soprattutto ai best-seller (come nel caso di Harry Potter), ai fumetti (ad esempio Batman e Spider-man), ai videogame (Resident Evil) o a popolari serie televisive (come è accaduto per Scooby Doo) e si rivolgono al più ampio pubblico possibile.

Nel cinema

Le due formule principali adottate dal franchise film sono i serial e i sequel che mantengono alte l'attenzione degli spettatori fino all'uscita nelle sale dell'episodio successivo. Tratti comuni della formula franchise sono: le ambientazioni poco realistiche, scenario della trasformazione di giovani "outsiders" in eroi dai sorprendenti superpoteri; l'uso di effetti speciali e di tecniche di animazione digitale che rendono il film spettacolare; l'immancabile lieto fine.

Sistema distributivo

Questa tipologia di film punta alla penetrazione del mercato globale. Infatti si usa un sistema di distribuzione su scala globale e le uscite nelle sale dei paesi di tutto il mondo sono sempre più ravvicinate e poggiano su campagne di marketing planetarie che sfruttano la convergenza mediatica per ampliare i canali di promozione del film e del merchindising ad esso correlato. Il processo di vendita del prodotto film diventa così più importante del processo produttivo che, nonostante i budget milionari, ha costi inferiori rispetto a quelli della fase di distribuzione e marketing, con la conseguenza di una maggiore attenzione agli aspetti legati alla vendita del prodotto che ai contenuti.

Altri esempi di franchise nel cinema sono Matrix, Il Signore degli anelli, X-Men, Pirati dei Caraibi, Shrek, Guerre Stellari, ed Harry Potter.

[Via Wikipedia]


27 agosto 2008

Il mio primo videoclip musicale!

Ciao ragazzi,
questo post è davvero importante per me, infatti vi informo che ho appena caricato su Youtube il mio primo videoclip musicale. Come alcuni di voi già sanno, compongo musica da vari anni e dato che sono anche un grande appassionato di videomaking, ho deciso di conciliare le due cose realizzando il video della mia canzone intitolata "Amore per te". Il lavoro è stato realizzato con una videocamera semiprofessionale Panasonic ed è stato montato con un programma di montaggio della Apple, che, nonostante non sia professionale, mi ha consentito di esprimermi ad un buon livello. Spero quanto prima di comprare un nuovo mac con processore intel, cosi da poter utilizzare Final Cut Studio, il re dei software di montaggio video. Nel videoclip ci siamo io e la mia amica, nonchè collaboratrice-attrice Giusy Monaco, alla quale rinnovo la mia gratitudine per la disponibilità e la gentilezza dimostrate durante le riprese.
Non mi resta che augurarvi buona visione. Guardatelo in alta qualità. Mi raccomando commentatelo in tanti, accetto di buon grado le critiche costruttive. A presto!

Cristiano


2 agosto 2008

E' nato Motors Magazine!

Ciao ragazzi. Innanzitutto buona estate a tutti! Dato che sono un appassionato di motori e nautica voglio consigliarvi un nuovo prodotto editoriale che personalmente considero molto interessante. Si chiama MOTORS MAGAZINE, ed ha anche un bel blog www.motorsmagazine.it
Da un pò di tempo collaboro con loro, scrivendo articoli su motori e nautica. Spero vi piaccia!

Si tratta del primo mensile grande formato di informazione ed annunci totalmente a colori.
Periodico di informazione e annunci fotografici a colori dedicati al settore Auto, Moto e Nautica. Il mezzo consente all’operatore di estendere al pubblico vastissimo ed interessato, oggi più che mai, del mercato AUTO MOTO NAUTICO, i propri prodotti e servizi; Inserire annunci di promozione istituzionale, vendita o noleggio, in maniera semplice e funzionale, associando dettagli fotografici, descrizione, prezzo, tipologia del prodotto, oltre alla possibilità di inserire il logo ed i dati anagrafici dell’operatore nelle schede tipo di ogni annuncio.
Quindi, troviamo un elegante e funzionale Internet Blog, ricco di notizie, servizi fotografici, curiosità, appuntamenti ed eventi, di prima mano dal mondo auto moto nautico.
L’internet Blog viene aggiornato e quindi arricchito quotidianamente e vede la presenza costante di spazi promozionali e redazionali dedicati ai clienti inserzionisti.
Nel prodotto Internet Blog è inoltre inserita una grande novità editoriale: la WEB Television.
Il cliente inserzionista potrà essere presente nella rete, attraverso materiale video di qualità prodotto direttamente dal nostro staff di redazione, e pubblicato nell’area specifica dell’ Internet Blog Motors Magazine.
L’ innovativo marketing mix utilizzato, genera quindi enormi possibilità di contatto e diffusione mediale per gli inserzionisti e grande punto di riferimento merceologico nei settori indicati per i lettori ed utenti del Motors Magazine Blog e della Motors Magazine Web TV.

La rivista è un periodico mensile che viene distribuito a livello nazionale in edizione regionale nelle edicole di Campania, Lazio e Toscana.

[Via MotorsMagazine.it]

29 luglio 2008

Cuil, l’ultima sfida a Google

Da ieri cioè gli utenti di tutto il mondo possono inserire su Cuil la `parola chiave´ sulla quale hanno bisogno di reperire informazioni via internet. E Cuil (parola gaelica che significa `conoscenza´ e che si pronuncia `cool´) si mette in moto esattamente come Google per andare alla ricerca nel grande mare di internet di tutto ciò che a quella parole attiene. Per poi per catalogare, selezionare e presentare tutto il materiale trovato in una forma immediatamente comprensibile e consultabile.

A creare Cuil.com sono stati Anna Patterson, una ricercatrice che ha lasciato Google nel 2006, e altri due ingegneri della casa madre. Dopo aver deciso di mettersi in proprio, i tre sono prima riusciti a raccogliere 33 milioni di dollari per sviluppare il loro progetto ed ora, con 30 dipendenti e non di più perché sono convinti che il loro motore di ricerca è migliore di quello di Google. Cuil.com è peraltro solo l’ultimo dei motori di ricerca messi a punto per competere con Google. Nell’era di internet la via che porta alla conoscenza vale quanto se non di più della conoscenza in sé. Equivale alla via all’oro del Vecchio West, quella che portò migliaia di persone a scavare in Klondike. Cercavano pepite. Oggi, sotto il mare di internet, si cercano algoritmi.

La prima giornata segna però le prime grosse difficoltà per Cuil. Il grande numero di accessi ha intasato per alcune ore il motore di ricerca, ma quel che è peggio è che su quasi tutte le ricerche Google da molte risposte in più, cosa che si aggrava se la ricerca viene effettuata su una parola italiana. Un esempio? Se cerchiamo “il secolo xix”, troviamo 359 mila risposte su Google contro le 416 di Cuil...

[Via ilsecoloxix.com]


6 luglio 2008

Marco Siviero: un piccolo grande eroe

Ciao ragazzi. Oggi vorrei sottoporre alla vostra attenzione, la storia "eroica" di mio cugino Marco Siviero. Ne verrete a conoscenza attraverso le intense parole del fratello di Marco, Stefano:

Mi chiamo Stefano Siviero e sono di Napoli. Sono il fratello del giovane 16enne,
Marco Siviero.
Per chi non conoscesse la storia, questo ragazzo il giorno 26 agosto 2007 salvò la vita della madre. Marco si accorse che da un vialetto condominiale stava per uscire una macchina a violenta velocità diretta verso lui e la madre. L'istinto e il bene unanime portò questo giovane a proteggere la madre, fungendole cosi' da scudo.
Ha salvato la vita di una persona speciale.
Ora, sempre piu' soddisfatto del g
esto compiuto, Marco si ritrova schiavo di una sedia a rotelle. Nell'impatto questo ragazzo perse una gamba, e riporto' ferite drastiche anche all' altro arto inferiore. Oggi aspetta di rialzarsi in piedi, proprio come prima. La sua grinta e' da premiare, infatti, Marco affronta i problemi quotidiani con una convinzione sempre più forte.
Marco aspetta una protesi, per poter di nuovo camminare, per poter fare tutte le cose che un giovane di 15 anni possa poter fare.
Tanta è stata la solidarietà avuta nei suoi confront
i da molte persone tra cui il nostro presidente Giorgio Napolitano che lo ha premiato di persona al Palazzo Reale di Napoli, con una medaglia d'oro al valor civile, per il gesto compiuto.

Non si e' tenuto in disparte uno dei cantanti piu' acclamati al mondo, Gigi D'Alessio, che gli ha dedicato "Non Mollare Mai", sapendo che Marco la cantava nei momenti più bui.
Dal mondo dello sport ci ha fatto visita il giovane calciatore Erminio Rullo, difensore della squadra di calcio del Napoli.
Vi scrivo perchè vorrei far capire che c'è gente ''preziosa'' proprio come lui e proprio in una città come la nostra, Napoli.
Uso questo appellativo ''nostra'', perché Napoli la sento parte di me, la sento dei cittadini, proprio come ogni altro cittadino ama la sua Patria.
Facciamolo capire al mondo intero, se vogliamo, che Napoli non è fatta di sola camorra, criminalità e delinquenza giovanile.
Napoli è fatta anche di persone come Marco, pronte a sfidare la morte per regalare la vita ad un altra persona.
Marco, cio' nonostante, continua a definirsi una persona normale, una persona piena di bene verso il prossimo, Marco dice: questo gesto lo rifarei altre mille volte se dovessi, e anche se al posto di mia madre ci fosse stato un amico, un conoscente, io l'avrei fatto ugualmente.
Non chiamatemi Eroe, perchè non lo sono.
Spero che questa mia giunga nei vostri cuori.
Spero che possiate aiutarmi nel lanciare questo messaggio.

Visitate il sito personale di Marco all'indirizzo web www.marcosiviero.com

Grazie e a presto.

Stefano Siviero



"Mai nessuno può perdere di vista ciò che desidera. Anche se, in certi momenti, è convinto che il mondo e gli altri siano più forti. Il segreto è questo: non desistere".

(P.Coelho)







Ecco una canzone scritta da Cristiano Luchini e cantata insieme a Tiziana, dedicata al cugino Marco. Il titolo è "Piccolo eroe". Tutti i diritti riservati.

20 giugno 2008

YouTube lancia nuovi spazi

YouTube lancia la prima sezione dedicata ai registi indipendenti nel tentativo di promuovere e vendere le loro opere. In passato, il popolarissimo sito di videoclip di proprietà di Google, aveva limitato il caricamento di un video a 10 minuti ma, come riportato dal blog Silicon Alley Insider, starebbe pensando ad una vetrina dedicata ai cortometraggi di registi emergenti, offrendo così 1 giga di spazio (che corrisponde quasi alla durata di un film).

Il popolare sito web in cui gli utenti si scambiano e condividono clip caricherà quattro cortometraggi ogni due settimane, con tanto di scheda artistica e tecnica. Gli utenti potranno interagire lasciando commenti o, novità dell’iniziativa, acquistare una copia del film. Il primo mese sarà dedicato a prodotti selezionati dalla Norvegia, dalla Svezia, dal Canada e dal Regno Unito, poi il progetto si estenderà agli altri paesi.

Lo spazio includerà sia cortometraggi già mostrati in altre sedi, che produzioni inedite. Sul blog si parla di «un esame on-line per i registi emergenti» e di «una sfida per abbattere le barriere e smussare la differenza tra regista professionista e regista amatoriale». Il primo corto in lizza è «Are You the Favorite Person of Anybody?», scritto da Miranda July (autrice di «Me and You and Everyone We Know») e diretto da Miguel Artega («Chuck and Buck»).

[Via La Stampa]

20 maggio 2008

La TV ha i nostri occhi...


Ciao ragazzi,
volevo sottoporvi queste due interessanti teorie delle scienze della comunicazione, nelle quali mi sono imbattuto studiando in Storia dei Media. Le ho trovate molto interessanti, soprattutto alla luce dello scenario televisivo odierno. Leggendo queste brevi spiegazioni, capirete il perchè. Ecco a voi la "Teoria della coltivazione" e la "Teoria della spirale del silenzio".

Teoria della coltivazione

La Teoria della Coltivazione è una teoria degli effetti dei media che studia le conseguenze della televisione sulla popolazione. Venne sviluppata negli anni 70 dal professor George Gerbner, decano della Scuola di comunicazione Annenberg presso l'Università della Pennsylvania.

Gli studi e lo sviluppo della teoria
Gerbner svolse tra gli anni '60 e '70 vari studi sugli effetti della televisione sulla popolazione negli Stati Uniti e giunse alla conclusione che la televisione non ha effetti specifici ed immediati sugli spettatori ma invece produce un effetto di cumulazione che porta lo spettatore a vivere in un mondo che somiglia a quello mostrato dal teleschermo. La tesi fondamentale della teoria attribuisce al mezzo televisione la capacità di fornire allo spettatore, dall’infanzia all’età adulta (per questo si parla di coltivazione), una visione del mondo comune e condivisa, operando in tal senso nella direzione di una unificazione della realtà.
Attraverso la televisione le istituzioni tradizionali come la scuola o la religione avrebbero ottenuto un ruolo secondario nella visione del mondo delle persone, i quali vivono in un mondo televisivo che non coincide con quello reale.

Estensione ed omogeneizzazione della cultura
Con la massiccia presenza in tutto il mondo di un palinsesto televisivo globalizzato, la teoria della coltivazione indica nella televisione uno strumento di omogeneizzazione culturale a livello mondiale, in cui i messaggi televisivi formano un sistema coerente che crea la corrente del nostro modo di pensare ("mainstream of our culture").


Teoria della spirale del silenzio

La teoria della spirale del silenzio venne sviluppata negli anni 1970 da Elisabeth Noelle-Neumann (sociologa tedesca). Questa afferma che i media, ma soprattutto la televisione, possono avere un notevole effetto di persuasione sui riceventi e quindi più in generale sull'opinione pubblica.
Questa teoria ebbe una notevole importanza nella scienza della comunicazione per la rinascita del dibattito sui poteri di persuasioni forti dei mezzi di comunicazione, in contrasto con la scuola di pensiero di un effetto debole dei mass media sul pubblico.

Definizione
La tesi centrale della spirale del silenzio è la seguente: il costante, contemporaneo, ridondante e contorto afflusso di notizie da parte dei media può col passare del tempo causare un incapacità nel pubblico di selezionare e comprendere i processi di percezione e di influenza dei media; in questo modo verrebbe a formarsi la cosiddetta spirale del silenzio.
In questa situazione la persona singola ha il timore costante di essere una minoranza rispetto all'opinione pubblica generale. Per non rimanere isolata, la persona anche se con un'idea diversa rispetto alla massa non la mostra e cerca di conformarsi con il resto dell'opinione generale.
Nella sua ricerca, Noelle-Neumann ha dimostrato che le persone posseggono una specie di senso statistico innato, grazie al quale riescono a capire quale è l'opinione della massa e in questo modo a conformarsi con quella dominante.
I mezzi di comunicazione di massa non fanno emergere da soli la spirale del silenzio (in quanto fenomeni simili sono stati riscontrati anche in società dove non esistono i mass media) ma accentuano la paura dell'isolamento nell'uomo e quindi il processo di adattamento all'opinione generale.

2 maggio 2008

Il mio spot per Invicta è piaciuto tanto!


Il 25 aprile scorso si è conclusa la gara Invicta sul sito www.zooppa.com .
Con il mio spot mi sono piazzato al 14esimo posto su 71 video caricati sul sito.
Ho ricevuto una "honorable mention" (menzione speciale), da parte dello staff di Zooppa e a breve mi arriverà come premio, un prodotto edizione limitata di Invicta.
E fin qui è stata già una bella soddisfazione, visto che è stato il primo spot che abbia mai realizzato!
Ma non finisce qui! ... come diceva il buon Corrado.
Ieri ho visitato il sito www.invicta.it e nella pagina INVICTA & ZOOPPA.COM sono stati inseriti i migliori lavori creati dagli utenti Zooppa per il marchio torinese (spot, grafiche e idee). In questa sezione sono state riportate non solo le creatività vincitrici del concorso, ma una selezione più ampia con le migliori proposte ricevute. Tra i dieci video scelti da Invicta, c'è anche il mio! Altra bellissima soddisfazione! Lo trovate nella "videos selection" in settima posizione. Si chiama "L'imprevedibilità del quotidiano".
Questa è l'ennesima dimostrazione che internet può dare infinite possibilità a coloro che intendono proporre e misurare la propria creatività con quella degli altri. Io sono tutt'altro che un professionista del settore pubblicitario, eppure con una semplice videocamera mini dv, un modesto programma di montaggio e una buona dose di fantasia, ho raggiunto un bel traguardo.
Lo spot lo trovate qui in basso. Fatemi sapere se piace anche voi. Ciao!

Cristiano


27 aprile 2008

Park Assist Vision: l’auto si parcheggia da sola


park_assist-copy.jpgAvete mai sentito parlare di Park Assist Vision?
Le ingegnose menti di Volkswagen hanno deciso che il sistema di assistenza al parcheggio che conosciamo, non è sufficiente. Così anno annunciato una soluzione migliore: il Park Assist Vision (PAV). Con questo sistema, il veicolo può automaticamente scivolare in qualsiasi spazio disponibile, che sia in forma parallela o perpendicolare. Non è necessario stare dietro il volante affinchè questo succedam poichè il PAV è munito di una serie di telecamere e sensori ultrasonici che fanno tutto il lavoro. Quando troviamo un posto, basta che lo selezioniamo nello schermo tattile del veicolo, disponiamo il cambio in modalità “Park”, scendiamo dal veicolo, attiviamo il bottone con il telecomandino, e l’auto si parcheggia da sola. Una volta terminato il processo, l’auto spegne il motore, blocca le porte e chiude i finestrini. Date un’occhiata al video.


Have you ever heard about Park Assist Vision?

You surely heard about Parking assist systems from BMW, Siemens and Lexus, they were cool but still required a wii bit of human intervention as you need to step on the accelerator while the car parks itself. Taking this a bit further is the Park Assist Vision (PAV) from Volkswagen which will park you car in any spot parallel or perpendicular and the best part you dont have to be in the car. A PAV equipped car has a couple of cameras and ultrasonic sensors, you find the parking spot you want, select it on the touchscreen, place thee car in P and get out. Your remote control keyfob tells the car what to do from then on, and the car parks itself, shuts down and locks itself up. As seen in the video the car also moved out from the parking space with the touch of a remote. The technology is still under development and I doubt it will be fully automated because if something goes wrong VW will have to face lot many lawsuits. Have a look at the video.

[Via MotorsMagazine e Newlaunches]



10 aprile 2008

Zooppa : Crea uno spot e guadagna / Create a commercial and earn money

Qualche giorno fa ho ricevuto delle dritte interessanti riguardo a Zooppa. Sapete cos'è?

Zooppa nasce dall'idea di offrire uno spazio per la pubblicità realizzata attraverso contenuti realizzati dagli utenti.

Zooppa lavora con aziende a livello nazionale e internazionale, interessate a sponsorizzare i loro marchi attraverso le gare che periodicamente vengono lanciate sul sito.
Sulla base delle indicazioni fornite dalle aziende committenti, gli utenti sono invitati a creare pubblicità per marchi o prodotti delle aziende in questione. Gli utenti registrati possono partecipare con diversi tipi di contributi: scrivere un'idea o una breve sceneggiatura per una potenziale pubblicità, realizzare delle pagine grafiche con il logo dell'azienda e un pay off, produrre un'animazione o girare un video vero e proprio.

Per ogni società con cui Zooppa stipula un accordo commerciale, viene lanciata una nuova gara per gli utenti, che sono anche incoraggiati a collaborare tra loro, attraverso un meccanismo di incentivi appositamente pensato. È previsto infatti un premio specifico denominato Team Bonus che ricompensa chi ha realizzato un video utilizzando l'idea di un altro utente, premiando in modo proporzionale sia l'autore che il videomaker.

Una volta che gli utenti hanno caricato i loro contributi, sta alla community decretare i vincitori di ogni gara. Gli utenti registrati, dunque, votano e, sulla base delle loro preferenze, Zooppa assegna loro premi in denaro.

Zooppa è dunque un nuovo modello di pubblicità fondata su Internet e sulla sua capacità di mettere in relazione persone da ogni parte del mondo.

Cliccate qui per accedere alla mia pagina personale di Zooppa e guardare gli spot che ho creato.

Some days ago, I received some interesting news about Zooppa. Do you know what is it?

It is committed to the vision of real people and real companies conducting business in a creative and rewarding viral context. This means stimulating the creative talent of those who have no voice in the traditional advertising setting.

Zooppa partners with international companies to sponsor their brand through Zooppa's competitions. Based on the briefs the companies provide, users are invited to create their own commercials for that brand. Participation in a Zooppa contest can take many forms: designing an animated sequence or creating a print ad with the company logo, writing a script or concept for a potential ad, or actually shooting their own video.

For each company that Zooppa partners with, a new contest is launched for users to compete in.
Users are also encouraged to create their ads using concepts or scripts posted by others. As an incentive to share one another's creativity, Zooppa rewards this type of collaboration with a Bonus Team Prize.

Once users have uploaded their contributions, it is up to them to decide the winners. Users rate the ads and it is based on these ratings that Zooppa awards the cash prizes.

What makes Zooppa unique is how the winners are rewarded. Each Zoop$ that users earn are equivalent to real US dollars. Once users have accumulated a minimum of 1.000 Zoop$, they can convert their Zoop$ into a real cash pay out.

Zooppa is, therefore, a new advertising model based on the Internet and the possibility to connect people from all over the world by putting them in contact with another.

Click here to enter my personal Zooppa's page and watch the commercial spots I created.


Cristiano Luchini

[Via zooppa]

5 aprile 2008

Songza: internet jukebox

Avete mai sentito parlare di Songza? Si tratta di un motore di ricerca per canzoni, che in più a fare ascoltare i pezzi (non scaricarli) diventa un ottimo jukebox. Le canzoni infatti possono essere ascoltate, valutate, condivise oppure, come in un jukebox, aggiunte ad una lista per essere riprodotte una dopo l’altra. Il sito nasce da un'idea di Aza Raskin, figlio del creatore di Apple Macintosh, Jef Raskin. Fu lanciato lo scorso 8 novembre 2007 ed in poco tempo ha catturato attenzione e stima da tutto il mondo. Aza Raskin ha rivelato che il concept e il design di Songza vennero alla luce mentre faceva una doccia. Strano ma vero!

Ma Songza dove attinge per riprodurre milioni di canzoni, anche recenti? Da Youtube!

Infatti tutte le canzoni presenti non sono altro che la parte audio contenuta nei video di Youtube. Quindi può capitare di trovare del materiale in ottime condizioni, ma anche pessime riproduzione amatoriali, riprese spesso con un cellulare. Comunque un progetto da seguire con attenzione.


Songza is the single best place to search for and listen to music on the Web. Find a song and listen immediately, in one place.

Unlike KaZaa or Bit Torrent, Songza users can only listen to songs, not download them. And unlike Last.fm or Rhapsody, Songza permits users to choose exactly the song or artist they want to hear, and does not require them to subscribe or pay for its services.

Songza is the brainchild of 24-year-old Aza Raskin — the son of Apple Macintosh founder Jef Raskin. He and Scott Robbin worked feverishly to bring the idea to life. The site launched on November 8, 2007, and instantly generated significant buzz around the world. Hundreds of bloggers and news writers have praised its elegant user interface, beautiful design, and all-around utility. Like all good ideas, both the concept and design came to Aza while he was in the shower.


[Via songza]

27 marzo 2008

Truthiness e realtà fittizia / Truthiness and fictitious reality

Tre anni fa, la American Dialect Society scelse le nuove migliori parole dell'anno corrente, il 2005. La vincitrice della categoria creativa fu whale tail, "coda di balena", riferita alla parte superiore di tanga che sbuca sopra la vita dei pantaloni o di una gonna, carino no?!

Tra le altre, truthiness: ossia la qualità di chi, invece di attenersi ai fatti, asserisce quello che sogna o desidera. In un suo show TV, Stephen Colbert esemplificò perfettamente il concetto: "Chi è l'enciclopedia britannica per dirmi che il canale di Panama sia stato terminato nel 1914? Se io desidero dire che è accaduto nel 1941, questa è la mia verità. Non mi fido dei libri. Sono tutti fatti e niente cuore". Ci costringiamo a vivere in un mondo di factiness, ed è incredibilmente faticoso, e frustrante. Ci resta il sogno e la creazione artistica.

Mi sono imbattuto in questo termine, "truthiness", navigando come mio solito su internet. Tutto ciò che riguarda il mondo della comunicazione mi affascina molto. Ho successivamente scoperto che esiste una vera è propria organizzazione che si chiama "War on thruthiness", che che incentiva le persone affinchè non ragionino seguendo ideologie vuote e devianti, ma anzi utilizzino il proprio cervello ed il proprio bagaglio culturale allo scopo di prendere decisioni importanti e meno importanti sulla propria vita. Dunque soprattutto in vista delle elezioni del 13 e 14 Aprile, chiedo soprattutto a voi connazionali italiani, di scegliere con attenzione e logica, a chi donare il vostro prezioso voto. Non facciamoci condizionare dagli ideologismi imperanti della nostra società. Non facciamoci tappare la bocca.

Fatevi un giro su http://warontruthiness.org/


Truthiness:

The quality of stating concepts one wishes or believes to be true, rather than the facts.

Origin: Stephen Colbert, "The Colbert Report," 2005

"Now I'm sure some of the Word Police, the wordanistas over at Webster's, are gonna say, 'Hey, that's not a word.' Well, anybody who knows me knows that I'm no fan of dictionaries or reference books. They're elitist. Constantly telling us what is or isn't true, or what did or didn't happen. Who's Britannica to tell me the Panama Canal was finished in 1914? If I wanna say it happened in 1941, that's my right. I don't trust books. They're all fact, no heart."

(Stephen Colbert)

Truthiness, and the ideology implied therein, currently represents the most forthright threat to the culture and people of the United States. Those who would attempt to surrender rationality and reason for illogical fear mongering and nonsense that flows from their gut are indeed this nation’s greatest enemy.

It is in the face of this great enemy that the Rationalists and Freethinkers of the University of Illinois at Chicago formally and vehemently declare war upon truthiness, its principles and purveyors. Either one stands with us, or they stand with the enemy, spreading terror under the guise of truthiness. From this day forward, any person, organization or nation-state that continues to utilize or support truthiness will be regarded by R.A.F.T. as a hostile actor, worthy of the harshest repercussions.

Think by yourselves...vote by yourselves.

Visit http://warontruthiness.org/


Cristiano Luchini


[Via warontruthiness.org]

Settimo episodio di Cafè Espresso Podcast - 7th Episode of Cafè Espresso Podcast

Ho da poco pubblicato il settimo episodio di Cafè Espresso Podcast.
Il tema è l'ideologia.

Cos'è l'ideologia?
L'ideologia è una pratica particolare in cui parole e idee vengono usate al servizio del potere, allo scopo di affermarlo, mantenerlo e difenderlo.

Le ideologie non sono reali perchè oscurano e mistificano la realtà. Le ragioni reali che esse nascondono, devono essere ricercate nella base economica, dove gli interessi di classe sono il vero motore della storia.

L'effetto di un'ideologia è idealizzare un'azione basata su di un interesse politico.

La gente vive nell'ideologia, che è una data rappresentazione del mondo.

Vi consiglio di cliccare sull'iconetta ADD TO iTUNES, presente nei link sottostanti, per abbonarvi velocemente e gratuitamente al podcast.
Il podcast e la musica sono tutelate da una speciale licenza Creative Commons.
Attendo i vostri commenti. Ciao!


I've just uploaded the seventh episode of Cafè Espresso Podcast .
The topic is the ideology.

What is the ideology?

The Ideology is a particular practice in which words and ideas are used at the service of the power, in order to affirm, keep and defend it.

The ideologies are not real because they obscure and mistify reality. The real reasons which they obscure, are to be researched in the economic basis, where the class interests are the real engine of history.

The effect of an ideology is idealizing an action based on a political interest.

People live in the ideology, that is a certain representation of the world.

It is better you click on the ADD TO iTUNES icon below, to subscribe easily and for free, to the podcast.
The podcast and the music are protected by a Creative Commons License.
I wait for your comments. Bye!

Cristiano Luchini



Click here to get your own player.

26 marzo 2008

La rivoluzione dei media / The media revolution

Come sapete mi sto specializzando in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale. Ho già realizzato un simpatico documentario sulla pizza ("Sapore Popolare") e a breve dovrò realizzarne un altro con i miei colleghi del corso di "Storia dei media". Il tema sarà la storia degli effetti dei mezzi di comunicazione di massa, sugli individui.
I professori ci hanno consigliato di guardare un interessante video sull'evoluzione dei media,
chiamato "Prometeus, la rivoluzione dei media". L'ho visto e l'ho trovato molto interessante.
Lo sottopongo anche alla vostra attenzione. Sicuramente troverete di vostro interesse un argomento cosi attuale. Buona visione!

As you already know, I'm taking the postgraduate degree in Entertainment industry and Multimedia Production. I've already realized a pretty documentary about pizza ("Sapore popolare") and, in a short time, I'll have to realize another one with my colleagues of the course "Media history". The topic will be the media effects history on people.
Teachers told us to watch an interesting video about media evolution, called "Prometeus, the media revolution". I watched it and I found it very interesting. I submit this video to your attention,too. I will surely find very interesting an actual topic like this. Enjoy!

Cristiano Luchini


15 marzo 2008

Il successo musicale di Yael Naim

Qualche giorno fa su Mtv mi è capitato di guardare il videoclip di "New Soul", di Yael Naim. La sua musica mi ha colpito per l'allegria e la dolcezza che trasmette. Ecco alcune notizie su di lei.

La cantautrice franco-israeliana Yael Naim nacque a Parigi nel 1978. All’età di quattro anni, si trasferì con i suoi familiari a Ramat HaSharon, in Israele, dove trascorse la sua infanzia ed imparò a parlare l’ebraico. Il suo approccio più diretto con la musica avvenne come solista nell’orchestra dell’aviazione israeliana. Iniziò la sua carriera di cantante con una parte nel musical “Le Dix Commandements” (I dieci comandamenti) ed il suo primo album, “In a man’s womb”, (Nel grembo di un uomo), fu rilasciato nel 2001. Fu anche interprete della canzone “You Disappear” (Tu sparisci) di Bruno Coulais, per il film Harrison’s Flowers diretto da Elie Chouraqui. Per il suo primo lavoro, si presentò semplicemente come
Yaël. Qualche tempo dopo, con il percussionista David Donatien, si rinchiuse per circa due anni nello studio di registrazione del suo appartamento a Parigi. Da questa stretta collaborazione nacquero le tredici tracce del suo secondo album, “Yael Naim", pubblicato il 22 Ottobre 2007, su etichetta “Tôt ou tard”. Le canzoni di sono in francese, inglese ed ebraico. Ricevettero ottimi commenti dalla critica e l’album fece il suo ingresso nella classifica francese degli album, alla posizione numero 11, dopo appena una settimana dalla pubblicazione. Lo stile viene da molti descritto come una commistione di sonorità folk e jazz, accompagnate da liriche misteriose ed evocative, cantate con voce leggermente roca.

Lo scorso Gennaio, Apple utilizzò il singolo “New Soul” nel debutto commerciale del computer portatile Macbook Air, dando a Yael Naim e alla sua musica, grande visibilità. La canzone debuttò nella classifica americana Billboard Hot 100, lo scorso 16 Febbraio alla posizione numero 9, diventando il primo singolo di Yael Naim riuscito ad entrare nella Top Ten più calda degli Stati Uniti. Oltre a questo, è diventata la prima interprete israeliana ad aver scalato le classifiche di vendita degli U.S.A.

Complimenti dunque a Yael Naim, una cantante che porta nuova linfa vitale alla musica mondiale, aprendole davanti nuovi ed interessanti scenari culturali.

www.yaelweb.com

Cristiano Luchini - da mp3.base



13 marzo 2008

I video di Cristiano - Cristiano's videos

Studio Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale, e da poco mi sto affacciando alla creazione di video.
Il cinema, il documentarismo, il mondo dei videoclip musicali, mi hanno sempre affascinato perchè mi consentono di evadere dalla realtà e di rifugiarmi in mondi nuovi e affascinanti.
Recentemente ho frequentato il corsi universitari di Cinematografia Documentaria ed il Laboratorio di Montaggio che mi hanno permesso di crearmi un’ottima base su cui costruire futuri progetti di lavoro.
Cercherò di pubblicare spesso i miei video, di qualunque genere essi siano, e spero li apprezzerete.


Ciao!


I study Entertainment Industry Sciences and Multimedia Production, and I started creating videos, some weeks ago.
I always liked cinema, documentarism, music videos, because they allow me to escape from reality, giving me the opporunity to take refuge in new fascinating worlds.
I recently attended the university courses of Documentary Cinematography and Video Editing Laboratoty, that allowed me to assimilate a solid basic knowledge, upon which I can build future work projects .
I’ll often try to upload my videos of different genres, and I hope you’ll like it.

Bye!

Cristiano Luchini



6 marzo 2008

Obama è un Mac. Hillary un PC

Le elezioni presidenziali americane destano grande curiosità. Il testa a testa tra Barack Obama e Hillary Clinton avviene soprattutto via internet. Tanti studiosi analizzano giorno per giorno i due favoriti alla Casa Bianca, sottolineando in particolare la diversa impostazione dei rispettivi siti web.

Il sito di Obama si presenta “fresco” da tanti punti di vista: per la veste grafica molto plastica (che ricorda quella di Apple) e soprattutto per la facile usabilità. Tutto infatti sembra perfettamente integrato e funzionante. Basti pensare che il buon Barack solo nell’ultima settimana, ha raccolto via web circa sei milioni di dollari. Scusate se è poco!
Il sito di Hillary invece si presenta decisamente più tradizionale, nei colori e nella costruzione generale. hillaryclinton.com
Un sito allo stesso tempo essenziale e curato. E molto attenta la gestione del blog e dobamahillarywinmcnamee.jpgel materiale video. Cosa che avviene anche su barackobama.com
In un mondo dove oggi tutto è comunicazione, lo scontro tra i 2 senatori non può tralasciare nulla. Un piccolo dettaglio può fare la differenza, anche se c’è già chi paragona la freschezza e l’innovatività di Obama a quella di un Mac, e la tradizionalità vecchio stampo di Hillary a quella di un PC. Ad ogni modo crediamo tutti che l’importante sia motivare gli elettori, ed entrambi ci riescono piuttosto bene. Non credete?

Cristiano Luchini

Articolo pubblicato su mp3.base

Is Obama a Mac and Hillary a PC?

I found very interesting this article about Obama and Clinton, appeared on nytimes.com

STYLES make fights — or so goes the boxing cliché. In 2008, they make presidential campaigns, too.This is especially true for the two remaining Democrats, Hillary Clinton and Barack Obama. Reporters covering the candidates have already resorted to traditional analysis of style — fashion choices, manner of speaking, even the way they laugh. Yet, according to design experts, the candidates have left a clear blueprint of their personal style — perhaps even a window into their souls — through the Web sites they have created to raise money, recruit volunteers and generally meet-and-greet online.

On one thing, the experts seem to agree. The differences between hillaryclinton.com and barackobama.com can be summed up this way: Barack Obama is a Mac, and Hillary Clinton is a PC.obama.jpg

That is, Mr. Obama’s site is more harmonious, with plenty of white space and a soft blue palette. Its task bar is reminiscent of the one used at Apple’s iTunes site. It signals in myriad ways that it was designed with a younger, more tech-savvy audience in mind — using branding techniques similar to the ones that have made the iPod so popular.

“With Obama’s site, all the features and elements are seamlessly integrated, just like the experience of using a program on a Macintosh computer,” said Alice Twemlow, chairwoman of the M.F.A. program in design criticism at the School of Visual Arts (who is a Mac user).

hillary-clinton.jpgIn contrast to barackobama.com, Mrs. Clinton’s site uses a more traditional color scheme of dark blue, has sharper lines dividing content and employs cookie-cutter icons next to its buttons for volunteering, and the like.

“Hillary’s is way more hectic, it’s got all these, what look like parody ads,” said Ms. Twemlow, who is not a citizen and cannot vote in the election.

Jason Santa Maria, creative director of Happy Cog Studios, which designs Web sites, detected a basic breach of netiquette. “Hillary’s text is all caps, like shouting,” he said. There are “many messages vying for attention,” he said, adding, “Candidates are building a brand and it should be consistent.”

In the long run, however, we believe that it is the ability to motivate the electorate that matters, not simple matters of style. And he’s a Mac user from way back.

[Via nytimes.com]

21 febbraio 2008

mp3.base: music blog

mp3.base nasce nel dicembre 2007 con lo scopo di essere un weblog dedicato alla musica portabile.


mp3.base è curato e gestito da un poliedrico musicista e compositore di musica contemporanea nonché appassionato internauta: Cristiano Luchini.

mp3.base ha diversi obiettivi :

recensire i migliori player mp3 oggi disponibili sul mercato; oltre news, notizie ed approfondimenti su musica, download legale ed artisti legati al mondo della musica su internet.

Riportare le ultime notizie di musica sia a livello mondiale che italiano.

Offrire il parere sulla notizia ma consentire al lettore di aggiungere i suoi commenti e impressioni.

Fornire un luogo di incontro per tutti gli appassionati.

mp3.base è parte del progetto BASE ITALIA BLOG, una rete nazionale di weblog indipendenti, concentrata principalmente su settori ed interessi specifici quali: fotografia e immagine, telefonia, mobility, musica, creatività, stili di vita e tempo libero.

BASE ITALIA BLOG e l’organizzazione MAKING EDITORE, sfruttando il know-how di ogni singolo sito e adottando universali procedure di esecuzione e sviluppo, producono la maggior parte delle più complete, versatili, neutrali ed affidabili recensioni e notizie dei settori su descritti.



mp3.base was created in december 2007, with the aim of being a weblog dedicated to portable music.


mp3.base is cured by me, Cristiano Luchini, a music composer and a passionate internet surfer.

mp3.base has various objectives:

Review the best mp3 players presented on the market: reporting international news, curiosities and odds about music, and audio technologies.

This website presents you some news and, in the meantime, allow you to leave your comments.

mp3.base is a meeting point for all the music fans. It’s part of the BASE ITALIA BLOG project, a national independent weblogs network, mainly concentrated on specifical sectors like:
photography and imaging, telephone market, mobility, music, creativity, lifestyles and free time.

BASE ITALIA BLOG is the MAKING EDITORE organization.


Cliccate qui per accedere a mp3.base

19 febbraio 2008

Cafe' Espresso Podcast

Circa due anni fa, io e mio padre Mariano, creammo un podcast, cioè un file (generalmente audio con foto e video), messo a disposizione su Internet per chiunque si abboni ad una trasmissione periodica e scaricabile automaticamente da un apposito programma.
La trasmissione in questione si chiama Cafè Espresso Podcast, è cerca di fondere insieme meditazione, spiritualità e relax. Viene pubblicata usando varie lingue (italiano, inglese e spagnolo), e dura mediamente 10-12 minuti. Le musiche rilassanti di sottofondo (new age, chill-out, ecc...), sono composte da me e mio padre e vengono intervallate da pensieri e riflessioni varie sul mondo che ci circonda. Se siete curiosi di entrare in contatto con questa piccola oasi che a oggi conta una rete di circa 16.000 utenti da tutto il mondo, cliccate sui link sottostanti. Vi consiglio di cliccare sull'iconetta ADD TO iTUNES, presente nei link sottostanti, per abbonarvi velocemente e gratuitamente al podcast.
Il podcast e la musica sono tutelate da una speciale licenza Creative Commons.
Attendiamo i vostri commenti.

About two years ago, my father Mariano and me, we created a podcast, that is a file (generally audio with pictures and videos), which is distributed over the Internet, often using syndication feeds, for playback on portable media players and personal computers.
Our broadcast is called Cafè Espresso Podcast. It tries to mix meditation, spirituality and relax.
It is uploaded in various languages (italian, english, and spanish), and it lasts about 10-12 minutes. The background music (new age, chill-out, etc... ) is composed by my father and me. This music accompanies various thoughts and reflections about the world where we live in.
If you are curious to enter this little oasis like about 16.000 people already did, till today,
just click on the beneath links. It is better you click on the ADD TO iTUNES icon below, to subscribe easily and for free, to the podcast.
The podcast and the music are protected by a Creative Commons License.
We wait for your comments.



Click here to get your own player.

La musica di Cristiano - Cristiano's music

Come ho accennato nella presentazione del sito, il mio mondo è fatto soprattutto di musica.
Infatti oltre che ascoltarla, mi piace scrivere canzoni, suonarle con la mia chitarra e cantarle.
Mi servo spesso del mio caro Mac per registrare le mie canzoni: voce, chitarra, tastiera, effetti e tutto ciò che mi passa per la testa. Dopodichè le pubblico su internet (su Qoob.tv) per far in modo che chiunque e le possa ascoltare e commentare. Fatelo anche voi. Mi raccomando. Grazie.


As I said in the introduction of my web site, my world is made especially of music. In fact, a part of listen to it, I like writing songs, playing them with my guitar and singing them.
I often use my Mac to record the songs: vocals, guitar, keyboard, effects and I everything I want to add. Then I upload them on the internet (on Qoob.tv) so that people could listen and comment them. Please leave your comment. Thank you.

Cliccate qui per accedere alla lista delle mie canzoni.

Click here to enter my songs' list.